Italy: lesbians harassed in public park

L2L Italy

“My girlfriend and I sat down at a table to eat a pizza. Suddenly she seemed very tired, so I hugged her. It was a spontaneous, thoughtful gesture. At some point a man approached and started screaming in our direction,” says Mirella.

“You two have to go away! A man and a woman together are fine. A woman with another woman is not. ”

Mirella, incredulous, asked him: “Can’t we hug each other?” and the man replied: “No, this is a public park! There are also children! You suck! ” After that, the park keeper moved away, but continued to control them by remaining seated on a bench nearby.

Before leaving , she approached him to ask for an explanation: “Other people are embracing, why haven’t they been told off?” Raising his voice, the man replied: “Because what they do is normal, what you do is not. And you’ve done it before ”

“I asked him to stay calm because he was screaming. It is not the first time it has happened. Last year, always in that park, my ex gave me a kiss and he told us to leave. But then there are kids aged 15-16, one on top of the other, and he never says anything to them. It is just an injustice. I didn’t want to be silent. I don’t accept it. I was afraid. I don’t want to experience something like this again.”
(Translated)

“Io e la mia ragazza ci siamo sedute ad un tavolino per mangiare una pizza. Ad un tratto mi è sembrata molto stanca, così l’ho abbracciata. E’ stato un gesto spontaneo, premuroso. Ad un certo punto un uomo si è avvicinato e ha iniziato a urlare in nostra direzione”, ci racconta Mirella.

“Voi due dovete andare via! Un uomo ed una donna insieme vanno bene. Una donna con un’altra donna no”.

Così Mirella, incredula, gli ha chiesto: “Non ci possiamo abbracciare?” e questa persona ha risposto: “No, questo è un Parco pubblico! Ci sono anche bambini! Fate schifo!” Dopodiché il Guardiano si è allontanato, ma ha continuato a controllarle rimanendo seduto su una panchina poco distante.

Così lei, prima di andarsene, gli è andata incontro chiedendo spiegazioni: “Si stanno abbracciando altre persone, perché a loro non è stato detto niente?”
L’uomo alzando la voce le ha risposto: “Perché ciò che fanno loro è normale, quello che fate voi no. E tu l’hai già fatto altre volte”

“L’ho invitato a stare calmo perché stava urlando. Non è la prima volta in cui accade. L’anno scorso, sempre in quel parco, la mia ex mi diede un bacio e lui ci invitò ad andar via. Poi però ci sono ragazzini sui 15-16 anni, uno sopra all’altro, e a loro non ha mai detto nulla. È proprio un’ingiustizia. Non ho voluto stare in silenzio. Non lo accetto. Ho avuto paura. Non voglio vivere ancora una cosa del genere”.
(Original)

Continue reading at: https://www.arcigay.it/articoli/comunicato-stampa-nuovo-atto-omofobo-a-pescara/#.XvMoqWgzbIU (Source)

One response to “Italy: lesbians harassed in public park

  1. We live in such a beautiful world but it’s filled with such hatred and injustice. No one should ever have to go through this 💛

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s